Insegnamenti I & II Livello
Programma dell'insegnamento: Diritto dei mercati finanziari
Corsi di Laurea
BBA, CPA, FAMF
Codice Cfu Insegnamento
NN2875Diritto dei mercati finanziari
Semestre
II sem.
Docente
Pinto Vincenzo
tel: 050-2216224  email: pinto@ec.unipi.it
Oggetto
Il Corso ha ad oggetto lo studio dei princ╠┬pi e delle regole del c.d. mercato mobiliare (intermediari). Il Corso si propone di esaminare le discipline speciali delle diverse tipologie di attivitÓ attinenti al mercato dei capitali diverse dall'attivitÓ bancaria e dall'attivitÓ assicurativa.

Apprendimento in termini di conoscenza
Il corso si propone di trasmettere un metodo d'indagine che consenta la soluzione di problemi giuridici attinenti alla disciplina del mercato mobiliare.

Programma
1. La delimitazione della materia e l'evoluzione della disciplina. 2. Le autoritÓ di controllo sul mercato mobiliare: profili generali. 3. Gli intermediari non bancari regolati dal t.u.f. 3.1. La vigilanza sui soggetti abilitati. 3.2. Esponenti aziendali e assetti proprietari. 3.3. I servizi di investimento. Nozioni generali. Riserva di attivitÓ e accesso alla prestazione dei servizi: le SIM e le altre imprese di investimento. Le regole generali di comportamento, i contratti e la separazione patrimoniale. Le regole applicabili alla prestazione dei singoli servizi. 3.4. La gestione collettiva del risparmio. L'attivitÓ di promozione e di gestione di fondi comuni di investimento da parte delle SGR. L'attivitÓ di investimento collettivo delle SICAV. 3.5. La vigilanza prudenziale sugli intermediari. 4. I fondi pensione e gli altri intermediari non bancari non regolati dal t.u.f.

Testi consigliati per l'esame
F. Annunziata, La disciplina del mercato mobiliare, III ed., Giappichelli, Torino, 2004, nelle sole parte comprese nel programma sopraindicato. Il docente si riserva la facoltÓ di indicare, entro l'inizio delle lezioni, ulteriori testi aggiornati.

Testi consigliati per la consultazione
Codice Civile aggiornato nonchÚ i DD.lgs. 58/98,i regolamenti Consob in materia di intermediari, le Direttive Comunitarie relative agli argomenti oggetto del corso (in specie Direttiva CE n. 39/2004).

prova di esame
La prova d'esame potrÓ essere sostenuta, a scelta dello studente, con una delle seguenti modalitÓ: - prova orale avente ad oggetto la conoscenza e la comprensione dei temi compresi nel programma; - discussione di una relazione scritta su un tema concordato con il Docente.

indicazione agli studenti
I materiali distribuiti durante il Corso verranno messi a disposizione, anche per gli studenti non frequentanti, presso la Segreteria del Dipartimento di Istituzioni, Impresa e Mercato "A. Cerrai".
indietro